La domenica a Ostia negli anni ‘20

La popolazione non superava i duemila residenti, ma erano già state realizzate tutte quelle opere funzionali a rendere il quartiere una meta di svago.

Anche alla fine degli anni ’20 il lungomare di Ostia era lo scenario delle passeggiate domenicali dei romani.

L’ampio marciapiede del lungomare di fronte allo stabilimento balneare “Roma”. (L’immagine è navigabile, clicca per ingrandire i dettagli).

C’era chi arrivava in treno, scendendo in piazza della Stazione, a pochi metri dalla chiesa di Regina Pacis non completata e dal nuovo Palazzo Comunale, e chi raggiungeva il litorale in auto percorrendo la via Ostiense e, dal 1928, la via del Mare.

Piazza dei Ravennati, luogo di ritrovo delle passeggiate domenicali. (L’immagine è navigabile, clicca per ingrandire i dettagli).

Rispetto a piazza dei Ravennati, che era uno slargo con il ristorante Belvedere e senza Pontile, il lungomare, chiamato in origine viale della Marina di Roma, si sviluppava 700 metri a levante, fino all’attuale piazzale Magellano e 300 metri a ponente, fino all’attuale via Giuliano da Sangallo.

Piazza dei Ravennati e il ristorante Belvedere prima della demolizione e ricostruzione per permettere l’allargamento della sede stradale di viale del Comitato (oggi viale della Marina). (L’immagine è navigabile, clicca per ingrandire i dettagli).

Aveva  una sede stradale ridotta, formata da un’ unica carreggiata a doppio senso di marcia,  e un ampio marciapiede con aiuole e palme che conduceva all’unico stabilimento in muratura di Ostia: il “Roma”.

(L’immagine è navigabile, clicca per ingrandire i dettagli).

Nel 1931, il viale della Marina di Roma, dopo la sistemazione e il raddoppio della carreggiata con la realizzazione di un aiuola centrale, mutò il proprio nome in “Cristoforo Colombo” e nel dopoguerra prese l’attuale denominazione di lungomare Paolo Toscanelli.

L’espansione edilizia e balneare di Ostia verso levante portò al necessario prolungamento della strada fino al Canale dei Pescatori.

Il marciapiede e le terrazze sul lungomare Caio Duilio. (L’immagine è navigabile, clicca per ingrandire i dettagli).

Nel 1931, solo dopo 4 mesi di lavori, venne inaugurato il lungomare Caio Duilio, con una sede stradale larga 30 metri e caratterizzata da un parapetto e le panchine in travertino.

 

 

È in corso la mostra “Ostia attraverso i suoi luoghi simbolo”

Fino al 21 Aprile | Teatro del Lido di Ostia | Via delle Sirene 22

per saperne di più: http://www.ostialove.it/ostia-attraverso-i-suoi-luoghi-simbolo/

per acquistare le opere grafiche in esposizione: http://www.ostialove.it/opere-grafiche-manifesti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *